Carletto É “Morìto”, Mamma

ARETA'S / ARTICOLI RECENTI / DIARIO / DONNA & MAMMA / 16 December 2015

QUANDO I BAMBINI E GLI ANIMALI SONO LA TUA PIÚ GRANDE LEZIONE DI VITA

#ildiariodiareta

Oggi è finalmente domenica. La settimana è stata lunga e non riesco proprio alzarmi dal letto. Mentre mi giro da una parte all’altra pensando che mancano due settimane a Natale, sento Sofia che con tono preoccupato parla a bassa voce con il papà e anche se da mamma mi verrebbe quasi voglia di andare ad accertarmi che tutto sia a posto, so bene che non ce n’è bisogno.

Marcello è un davvero un bravo papà, lo devo ammettere, quindi immagino che di qualsiasi cosa si tratti, saprà risolverla da solo. Come tutti i papà, trasmette le sue passioni anche alla nostra piccola, ma d’altronde come rimproverarlo? Ho sempre creduto che questa distinzione forzata tra mondo “rosa” e mondo “azzurro”, non sia poi questa gran cosa. In fondo, crescendo, sapranno loro cosa ameranno fare di più.

Papà e figlia su aretahysa.com by Areta Hysa

Ma torniamo a noi. Dicevo che sentivo che parlavano tra loro mentre ero ancora a letto e a un certo punto la piccola corre da me, mi salta sopra e piano mi sussurra all’orecchio: “Mamma, Carletto è morìto“. Non capisco cosa mi vuole dire. Non ha mai pronunciato quella parola e lei di nuovo: “Carletto è morìto, mamma“. Mi servono quei 9/10 secondi per capire che sta parlando del nostro pesciolino rosso Carletto e che mi sta dicendo che Carletto è morto.

Mi colpisce particolarmente il modo in cui me lo dice. Non è triste: mi sarei aspettata lacrime e disperazione. Invece lei mi tira per un braccio, mi porta in cucina e mi dice “Guadda mamma, sta popio male“. Per la cronaca, Carletto ha deciso durante la notte di saltare fuori dalla vasca, ma incredibilmente ora che lo guardo so per certo che non è per niente un pesciolino morto. Sospiro di sollievo.

È vivo dunque e resto meravigliata dal fatto che Sofia, che ha solo 3 anni, ha affrontato con coraggio, quella che credeva essere la morte del suo adorato pesciolino rosso Carletto.

Ancora di più mi meraviglia vedere come l’altro pesciolino, Aba (nomi scelti da Sofia naturalmente), una volta rimesso Carletto dentro la vasca, provi in tutti i modi ad aiutarlo: lo spinge con la testa per farlo stare su e poi gli nuota intorno fino a che, piano piano, ora dopo ora, Carletto riprende a nuotare normalmente.

Mamma E Figlia che parlano su aretahysa.com by Areta Hysa

A parte il sollievo di vedere Carletto ancora vivo, penso sorridendo che se non ci fossero più Aba e Carletto, non mancherebbero solo a Sofia. Che quando una creatura entra nella tua vita, piccola o grande che sia, ti ci affezioni e in momenti come questi ti rendi conto che anche loro sono davvero parte della famiglia.

Vi racconto tutto questo per dirvi che la fiducia dei #bambini verso la vita e la cura che hanno per ogni piccola cosa che li circonda, non smette mai di stupirmi. <3

Sulla capacità dei bambini di cambiarti la vita, non avevo dubbi, ma non l’avrei mai detto che anche un piccolo pesciolino rosso avrebbe potuto farmi riflettere su cosa significhi davvero aiutarsi e sostenersi a vicenda incondizionatamente.

***

LEGGI ANCHE:

RACCONTO SEMISERIO DI UNA TIPICA GIORNATA DAL PARRUCCHIERE

COSA HO IMPARATO OGGI DALLE MIE EMOZIONI

LA NASCITA DI UN FIGLIO NON TI CAMBIERÀ!

Al prossimo articolo,

Areta Hysa

#aretahysateam


Tags: , , , , , , , , , , , , , ,




Previous Post

Cappotto Giallo E Borsa A Tracolla In Pelle E Cavallino

Next Post

Come Trasformare La Tua Idea DI Business In Realtà





You might also like


More Story

Cappotto Giallo E Borsa A Tracolla In Pelle E Cavallino

UN NUOVO LOOK DI ARETA PER L'AUTUNNO INVERNO 2015/16 Mancano poche settimane a Natale e l'autunno sta lentamente lasciando...

14 December 2015